martedì 24 gennaio 2012

La mia eterna rivale

Pensavo di non essere competitiva. E di non esserlo mai stata. In fin dei conti non mi sono mai paragonata agli altri, non cercavo di superare qualcuno o di eguagliare i risultati degli altri. Non dico in ambito sportivo, dove sono stata e sono tuttora veramente negata (ricordo che riuscivo a essere selezionata per la gara di resistenza solo perchè mi lasciavo doppiare e poi mentivo alla profe, così andavo a correre la gara dove arrivavo chiaramente penultima, fra lo stupore dell'insegnante e le risatine delle compagne!). Ma in ambito scolastico non mi interessava assolutamente conoscere i voti degli altri o paragonarmi ai compagni. Ma questo non perchè non sono competitiva. 
Non sono competitiva con gli altri, ma lo sono con me stessa, senza pietà e senza scrupoli. 
La mia indole pignolina, il mio orgoglio, forse anche le aspettative di mio padre, mi hanno sempre portato a dare il massimo. Sempre. In qualsiasi campo io fossi. Anzi o davo il massimo e riuscivo bene o mollavo. Fine. Non mi piace più. Non lo faccio più. Non sono portata. Ma non era per primeggiare sugli altri. Dovevo primeggiare su me stessa. Superarmi ogni volta. Migliorarmi costantemente. E qui casca l'asino (e si fa male), perchè se è sano dare il meglio, non lo è più quando questo pregiudica la qualità della vita. Così ho trasformato l'impegno scolastico in una gabbia in cui proteggermi dal mondo esterno, concentrata nell'andare sempre meglio. E il 7 era uno smacco. E se facevo un' escursione, dovevo farla meglio di come l'avevo fatta precedentemente, dovevo. A costo di arrivare al rifugio col cuore in gola, ma dovevo essere più veloce, e magari anche con lo zaino più pesante. Non me lo chiedeva nessuno. Me lo chiedevo io. E penso di essermi giocata alcune belle occasioni per essere felice, perchè mi sono presa troppo sul serio e guardando solo il risultato, ho perso di vista il tragitto, che era bello pure quello! La scuola, il volontariato, gli impegni erano strumenti per dimostrare a me stessa quanto ero brava, in questa gara esasperata con le mie aspettative e il mio orgoglio. E l'ho capito solo ora. Per l'esattezza l'ho capito pochi giorni fa, mentre nuotavo in piscina e avevo deciso di non contare le vasche, ma semplicemente di nuotare per 30 minuti. Ho azzerato la mia rivale: non c'erano record da battere, nuovi primati, fatiche da infliggersi. C'era solo nuotare, con i miei tempi, la mia calma, la volontà di godersi il momento, non solo l'arrivo. Così ho nuotato e non so quante vasche ho fatto. Ma mi è piaciuto come non mai. Mentre la mia più grande rivale stava lì, a bordo vasca, un po' smarrita per questo cambio di programma.

Questo post partecipa al

10 commenti:

  1. A me questa sta proprio antipatica... lasciala perdere... prenditi il tuo tempo e non curarti di lei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per dirti, adesso quando vado in piscina non l'avviso neppure, anzi le dico che vado al supermercato, così mi perde...

      Elimina
  2. Ce l'hai fatta, però! L'hai battuta!!! :)

    RispondiElimina
  3. ciao Francesca leggi questo post http://www.vivere-semplice.org/?p=2488 l'ho trovato molto bello e penso che potrai apprezzarlo anche tu, baciotto a te e alla rivale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! ottima segnalazione, però la rivale non la bacio!

      Elimina
  4. Questo è uno dei post più belli che abbia mai letto.
    Sul serio, mica scherzo.
    E' stupendo.
    Congratulazioni. NOn per il post, per la conquista :)

    baci
    A.

    RispondiElimina
  5. Ehi! mi fai arrossire...grazie! Non so se definirla conquista, sai? certe abitudini mentali sono proprio innate e difficili da sconfiggere, diciamo che per ora non le permetto di entrare in piscina e poi speriamo di confinarla sempre più lontano!

    RispondiElimina
  6. Conosco molto bene le sensazioni che descrivi. Le vivo proprio.

    La lotta è continua :)
    Essere nel presente, godersi l'attimo, fare una cosa per il gusto di farla... cose così. Piacciono anche a me, come l'uscire dalla logica della competizione.
    Tutte cose moooolto difficili!
    Proviamoci però!

    RispondiElimina

Che te ne pare? Ne parliamo un po'?

Lettori fissi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I miei cuccioli...

Lilypie Second Birthday tickers

ho perso il contoooo!!!