lunedì 30 settembre 2013

due mesi -e non sentirli-! quasi!


vi ricordate il grande amore della vostra adolescenza? quello che nei giorni pari vi dava le farfalle nella pancia e i giorni dispari vi strapazzava? quello che più vi distruggeva più voi scrivevate il suo nome su ogni supporto materiale e non? quello che non vi lasciava dormire e riempiva di sè ogni minuto delle vostre giornate? ditemi che ve lo ricordate, che non è capitato solo a me...

ecco da due mesi sto vivendo una fase adolescenziale di ritorno!

Sono passati già due mesi...due mesi in cui ho dormito complessivamente quanto dormivo prima in due settimane. Il sonno è come sempre il grande problema. I nostri gloriosi soldati in Russia dovevano combattere contro generale inverno, io contro generale sonno.
Ma Lui è così bello! i suoi sorrisi non del tutto equilibrati che gli fanno la bocca aperta e storta, le braccia scoordinate che si agitano, le gambotte agitate, il solletichino sotto le ascelle (le ascelle di un neonato!!!) ti fanno venire solo voglia di mangiarlo, ....certo, potrebbe dormire, o distanziare le poppate, o magari, entrambe le cose come che so sua cugina, o come la bimba che hanno battezzato i miei amici ieri, o come tutti i bimbi che incrocio da due mesi a questa parte...ma d'altronde, mi dico, se ti regalano una ferrari non è che ti lamenti perchè non ti hanno fatto il pieno....

Resta il fatto che bisogna sopravvivere e allora ho salutato tutti i metodi educativi noti, ho abbracciato Tracy Hogg, ho dato una pacca sulla spalla di Tata Lucia, ho ringraziato genitoricrescono e i loro consigli, e ho messo in campo tutti i più sordidi trucchetti per farlo dormire: lo abbiamo confuso con il suono indistinto della cappa, lo abbiamo gingillato con la vibrazione dello spazzolino elettrico, lo abbiamo imbozzolato, lo abbiamo cullato passando l'aspirapolvere, camminando, cantando, litigando, l'abbiamo esposto a noiosissimi documentari come "pescare a mani nude nella palude",l'ho anche bagnato con l'acqua santa nell'attesa del battesimo...tutte idee valide, a volte efficaci, ma che purtroppo hanno dato risultati poco durevoli.

Da ieri ho anche salutato il lettone come posticino per me e mio marito: Luca si è preso anche quello e dorme con noi. Non sono mai stata favorevole al co-sleeping ma fra il co-sleeping e il non-sleeping-perniente vince, a tavolino, il co-sleeping!

A chi mi chiede se è bravo, chiedo se ha una domanda di riserva.  Poi dico che è bello, è simpatico...insomma due su tre, non c'è da lamentarsi!
A chi mi chiede se sono felice, invece, non ho dubbi: sì, tanto.
Perchè è semplicemente un meraviglia, gigantesca, portentosa con la forza di un uragano e la delicatezza di un fiorellino che inonda la vita e ti riempe interamente, fino al midollo. Senti che sei piena, colma di questo amore, di questo stupore, di questo miracolo di cui mai potrei esserne degna e gli occhi si riempono ancora di lacrime.
...e per ogni cosa nuova che Luca mi regala, non posso che stringerlo forte e ancora una volta sussurrargli "Benvenuto al mondo, benvenuto nel mio mondo!"

martedì 6 agosto 2013

scusate il ritardo...

era il 27 luglio. faceva caldo ed io ero confusa e spaventata come quelle di "non sapevo si essere incinta". Alla faccia di chi si aspettava che con il terzo figlio avrei partorito con scioltezza e agilità. Invece no.
Nel mio parto c'è stata la paura di soffrire e il dolore vero. C'è stato l'aiutino dell'anestesista e l'incoraggiamento dell'ostetrica. Ci sono state le risate ascoltando il libro che mio marito mi leggeva ("Due figlie ed altri animali feroci. "di Leo Ortolani-lo consiglio anche fuori dalla salaparto) e le mie suppliche per evitare il dolore. C'è stato lo stupore nel toccare con le mie mani la sua testa ancora dentro di me e la forza per spingere quel grande testone. C'è stata tutta la commozione nel vederlo e l'orgoglio nel sentire l'ostetrica che commentava "Ma è bellissimo!" e anche quella che diceva "Ma signora, è un bue!".
C'è stato tutto quello che c'è e che c'è stato e che sempre ci sarà nel momento in cui si affronta questo grande, grandissimo evento. L'amore, la paura, il dolore, la gioia. Il riassunto della vita.

E ora siamo in 5. IO sono abbastanza stanca. Lui è abbastanza vorace. Gli altri ometti oscillano fra la meraviglia e il dispetto.
Io sono felice. Innamorata di tutto, di lui, di mio marito, della mia famiglia, di Dio, della Vita.
Colma di lacrime e gocciolante di latte.

Ecco Luca:

martedì 23 luglio 2013

Tutto tace...e quella sciacquetta ci ruba la scena!

Sì tutto tace...38+4.
Mi lavo i capelli tutti i giorni, anche se sono puliti, perchè  non si sa mai...
Accumulo scorte alimentari perchè non si sa mai...
Faccio lavatrici, anche a mezzo carico (orrore!!!) perchè non si sa mai...
Leggo manuali, e-book, forum e mi confondo le idee, ma comunque non si sa mai...
Mi depilo le sopracciglia perchè non si sa mai e anche perchè ora o mai più...

 e nonostante questo....tutto tace.
Lui si sente, si sente forte e chiaro.
SI sentono anche delle stupidissime contrazioni che illudono, ma svaniscono appena cambio posizione.

Qualcuno se ne intende di giorni favorevoli?
A parte la sciacquetta che è bella, si sposa il principe, partorisce con la luna piena e chissà che altro, ditemi che venerdì 26 è una bella giornata per nascere...perchè la ginecologa mi vuole vedere e se la situazione è favorevole lo facciamo nascere (onde evitare che il diabete gestazionale vada a farmi generare un bimbo troppo ciccio!).

Incrociate le dita, dite una preghiera, fate una posizione yoga, bruciate un incenso, insomma...pensatemi!

io da parte mia continuo a stupirmi, a commuovermi, ad ascoltarmi, ad ascoltarlo, ad accarezzarmi e ad accarezzarlo.
continuo a guardare le mie due meraviglie, chiedendomi com'è che sono così meravigliosi ed interrogandomi su come cambierà, su quanto cambierà, su quanto sarà profondo il loro dolore o quanto sarà eccitante la nuova avventura, il nuovo viaggio che stiamo per fare..

coraggio famiglia, zaino in spalla!

lunedì 15 luglio 2013

Ansia e pannolini lavabili

Ok, sono in ansia. Ufficialmente in ansia. Lo si può intuire da alcuni dettagli:

  • tengo un diario intitolato "Aspettando Luca" in cui sto scrivendo a partire dalla settimana 37+0 se succede qualcosa. Diario veramente molto poco interessante, del tipo: 37+0: non succede nulla; 37+1: tutto tace; .... e via dicendo
  • scrivo post per sfogare l'ansia
  • continuo ad aggiornare facebook e lo trovo terribilmente lento 
  • al ritorno dal supermercato ho pianto perchè un signore si è offerto di mettermi la spesa sul nastro della cassa! Santo subito! Ecco chi sono i veri eroi!!
  • non ho più le unghie: le mie dita terminano con qualcosina scheggiato, trasparente, che neppure ambisce al titolo di unghia
  • faccio elenchi e liste in continuazione

insomma ansia.

In più la ginecologa non mi risponde il che accende e spegne la mia ansia.

In ogni modo, siccome gli ormoni mi hanno oscurato il cervello, come se non bastasse la prospettiva di tre figli maschi più un marito, mi sta solleticando l'idea di usare i pannolini lavabili.
Ora io cerco pareri, ma attenzione! pareri di mamme normali, quelle che ogni tanto buttano le cose nell'indifferenziata e chi s'è visto s'è visto; quelle che comprano cosmetici a volte guardando l'inci, a volte guardando il prezzo, a volte guardando troppa pubblicità; quelle che usano l'aceto per pulire, ma quando hanno fretta usano il viakal...
ecco, mamme un po' così...se ce n'è qualcuna o ne conoscete qualcuna...vorrei sapere se sono sopravvissute ai pannolini lavabili, e come, e a quali, e via discorrendo....

Francescansia vi saluta e  vi abbraccia tutte|!

Lettori fissi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I miei cuccioli...

Lilypie Second Birthday tickers

ho perso il contoooo!!!