martedì 24 luglio 2012

Di valigie ed essenzialità

immagine tratta dal web
Come dicevo, quando partiamo per le vacanze siamo carichi.
Molto carichi.
Non solo emotivamente, ma proprio fisicamente. Porto tutto e spesso manca qualcosa. Mi sono evoluta: sono divantata una mamma 2.0 e faccio le liste per riempire le valigie.
Faccio e consulto.
Depenno.
Aggiorno.
Poi salvo. E mi sento tutta fiera di me. Perchè penso a tutto: se fa caldo, se fa freddo, se fa freddino, se piove. Le valigie si accumulano.
I giochi per il mare, per la casa, per la casa da fare a tavolino, da fare insieme. Si riempono borse.
Poi arrivo nel luogo della vacanza e scopro che ho dimenticato ancora qualcosina, ma che soprattutto ho portato troppo.
E poi il mio occhio cade sui campeggiatori. Razza umana che stimo enormemente. Li ho visti arrivare, scendere dalla macchina e montare una tenda (se erano Italiani la montavano litigando con la moglie, se erano Tedeschi no!). Aprire un tavolino, 4 sedie. Stop. Erano in vacanza. Bagagli: meno del minimo. Per quanto grande e confortevole sia una tenda impone una forte discriminatura: ciò che serve davvero e ciò che no. L'essenziale.
Sono stata scout e quanto orgoglio c'era quando si faceva la route e camminando con lo zaino in spalla, con la fatica addosso, con il peso sulle schiena, in salita, a lungo, una vocina dentro di me, mi diceva che tutto quello di cui avevo bisogno era lì con me, ero autosufficiente, mi bastava poco.
Avevo tutto.

Ora vedo i campeggiatori e penso che anche loro ce l'hanno fatta e che vorrei essere così: riconoscere l'essenziale, saperlo prendere, tralasciare il resto.
In vacanza.
E nella vita.

13 commenti:

  1. oh io faccio i bagagli 2 ore circa prima della partenza. tutti, il mio , quello del PG e quello del Nin. Il GG al suo ci pensa da se, grazie al cielo.

    Qualcosa dimentico sempre... ma mi dico: mica sto andando in mezzo al deserto del sahara... se mi occorre qualcosa, comprerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e infatti ho scorte di spazzolini da denti comprati in vacanza!

      Elimina
  2. Ciao, complimenti per il tuo blog, bellissimo, anche graficamente parlando. Volevo invitarti a un tea time al mio club: mammepigreclub.blogspot.com/. Ti ho anche inserito tra i miei blog preferiti. Spero che diventeremo amiche.

    RispondiElimina
  3. Anche io ho dei problemini con il fare i bagagli, ma x questa estate non mi sbaglio: non parto!;-) Buon inizio settimana e se hai tempo, da me c'è qualcosa x te!:-)

    RispondiElimina
  4. Lo sapevo... sono una pessima campeggiatrice... in me non c'è traccia di essenzialità... e la nostra macchina lo dimostra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo! e io che ti immaginavo teutonicamente spartana!non ne azzecco una! ma ricorda, io continuo ad aspettare una guida al campeggio for dummies!

      Elimina
    2. hai ragione ... rimedierò... ma tu sai che è stato un anno moooollto impegnativo!!!

      Elimina
  5. Anche io come scout facevo zaini piccoli ed essenziali, ora faccio valige enormi, tipo pronti a tutto e poi mi incavolo con me stessa quando devo portarle in giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. batti il cinque, sorella!

      Elimina
    2. ciao ti ho appena scoparta, mi piace qui e mi aggiungo ai lettori

      Elimina
  6. dovresti imparare ad essere un po' mamma pigra, e bada che non è una brutta cosa, anzi. scriverò a breve un aneddoto intitolato proprio 'valigie', ti farà sbellicare dalle risate! ciao e a presto. vieni a leggermi?

    RispondiElimina
  7. Anch'io ammiro le donne "essenziali"!!!E mi impegno tanto è ... borsette piccole ( ma che contengono un kit di sopravvivenza),mentre per le valige sto decisamente migliorando ... ma ho ancora molto da imparare!

    RispondiElimina

Che te ne pare? Ne parliamo un po'?

Lettori fissi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I miei cuccioli...

Lilypie Second Birthday tickers

ho perso il contoooo!!!